Pubblicato il Lascia un commento

LENNY KRAVITZ ~ STRUT

Lenny-Kravitz.Strut_.2014‘Strut’ è un disco che non risente dell’età di Lenny Kravitz, come del resto, il musicista non dimostra quei 50 anni che l’anagrafe (ma solo quella) ci dice avere.

E, parimenti, la sua musica pare non invecchiare e non mostra di sicuro i segni del tempo.

‘Strut’ ci porta in un mondo di musica tipicamente funky, con forti suggestioni Anni Ottanta. Per certi versi ricorda un altro lavoro di Kravitz, quel ‘5’ che gli diede un riconoscimento internazionale e consolidò il suo successo.

Non arriva, comunque, alle vette di quell’album, di cui, alla fine, rappresenta quasi una brutta copia.

Però è un disco che si ascolta con grande piacere e che conferma il momento di grazia di Kravitz, che gli ha fatto dare alle stampe un disco che ha un forte carattere.

I temi trattati non sono filosofici, niente di spirituale, niente di sociale, ma solo amore e sesso, nella migliore tradizione di quel mondo rock al quale Lenny appartiene e al quale vuole affermare la sua appartenenza.

Musica a tratti rock che lui stesso ci racconta di aver composto sul set del film ‘Hunger Games’, dove ha recitato.

Musica che ha suonato quasi interamente da solo, dandogli, in questo modo, un’atmosfera omogenea e che sicuramente lo soddisfa.

Ovviamente ci sono anche dei limiti oggettivi a questo lavoro. Innanzi tutto c’è quella sensazione di ‘già sentito’ che fa sì che le tracce di ‘Strut’ non risultino nuove o innovative. Rimandano a quanto Kravitz ha fatto e suonato nella sua carriera. Ma anche nel corso dello stesso album che, per taluni versi, è un po’ ripetitivo.

Diciamo che Lenny Kravitz, passati i 50 anni, può tranquillamente dire di aver creato un marchio di fabbrica musicale. Non ci saranno novità. Non ci saranno suoni nuovi. Ma ci sono delle certezze, come quella, appunto, di stare ascoltando Lenny Kravitz.

Sicuramente, questo album avrà un gran successo nella sua dimensione live, forte anche della prestanza fisica dell’artista americano che decisamente lo aiuta a raccogliere consensi.

TRACKLIST

  1. Sex
  2. The Chamber
  3. Dirty white boots
  4. The pleasure and the plan
  5. Strut
  6. Frankenstein
  7. She’s a beast
  8. I’m a believer
  9. Happy birthday
  10. I never want to let you down
  11. Ooo Baby baby
  12. Sweety Glitchey Rose (bonus track)
  13. Can’t stop thinkin’ ‘bout you (bonus track)
  14. https://www.youtube.com/watch?v=8TM0b7nGTUc

    Hits: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.