Pubblicato il Lascia un commento

Counting Crows – Somewhere under Wonderland

counting-crowsCi sono voluti sei anni per tornare ad avere un disco di inediti dei Counting Crows. Sei anni che, però, non sembrano essere passati. E ora arriva ‘Somewhere Under Wonderland’.

Ritroviamo, infatti, la band assolutamente in piena forma, affatto invecchiata in questo periodo che la separa da quegli Anni Novanta che segnarono il debutto di Adam Duritz e soci.

Registrato a Berkley, in California e mixato a New York, è il primo disco della band nella scuderia della Capitol Records, dopo che, nel 2009, la band ha lasciato la Geffen.

Il ‘Paese delle Meraviglie’ che i Counting Crows cantano in questo disco è meno immaginario di quanto si pensi: sembra infatti che sia quella Wonderland Avenue californiana che tanto li ha influenzati.

E il loro suono è decisamente specchio di quella provenienza.

Ci sono tutti gli elementi che fanno un sound geograficamente molto riconoscibile. Ballate tipicamente americane, testi che, in qualche misura, ricordano la poetica di Bob Dylan, canzoni e chitarre di stampo springsteeniano.

Tutto questo fa di ‘Somewhere under Wonderland’ un disco ‘molto Counting Crows’ con quel rock, per certi aspetti leggero, che ha fatto la fortuna di questa band.

Un disco, in definitiva, che si ascolta con piacere e che si fa ascoltare senza mostrare segni di stanchezza.

Un ritorno in grande stile per la band di Duritz che si conferma una certezza del panorama musicale internazionale.

E, parlando di ritorni, segna anche il ritorno dei Counting Crows in Italia. Dopo 15 anni di assenza dal nostro Paese, faranno due date a novembre: una il 22 a Padova e quella successiva il 23 a Milano.

Un’occasione per vedere i Counting Crows nella loro dimensione live che gli appassionati vecchi e nuovi della loro musica, sicuramente, non si faranno scappare.

TRACKLIST

  1. Palisades Park
  2. Earthquake Driver
  3. Dislocation
  4. God of Ocean Tides
  5. Scarecrow
  6. Elvis went to Hollywood
  7. Cover Up the Sun
  8. John Appleseed’s Lament
  9. Possibility Days
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *