Pubblicato il Lascia un commento

Paul Trynka – Iggy Pop: Lust for Life

Padrino del punk, attore, inventore dello stagediving ed evangelista dell’estetica “search and destroy“. Che altro dire di Iggy Pop? Nulla, se non che il signor James Jewell Osterberg Junior è semplicemente una delle nostre ultime icone: un’icona pop, per l’appunto.
Come sostiene l’autore, Iggy Pop è stato un artista determinante, capace di avviare un cambiamento culturale nell’universo della musica: dai folgoranti esordi come batterista nei gruppi liceali del Michigan alle recentissima reunion degli Stooges, senza dimenticare le sfilate di moda per Donatella Versace e passando per le “amicizie scomode” con personaggi del calibro di David Bowie e Lou Reed.
Ma che dire del suo lato oscuro? Su quest’aspetto Trynka si dimostra impietoso e perfettamente allineato con l’estetica no compromise del punk: infatti passa attentamente al setaccio ogni minimo particolare nella vita di Iggy Pop descrivendone il controverso rapporto con la droga, l’altalenante stato di salute mentale e le alterne fortune artistiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.