Pubblicato il Lascia un commento

Londra dedica due mostre ai Pink Floyd: la prima apre il 10 settembre

maxresdefaultIn attesa che arrivi a novembre il box set con sette ore di musica inedita, è tempo di mostre sui Pink Floyd. ‘You Say You Want a Revolution: Records and Rebels 1966-1970’ infatti è il (provocatorio) titolo della mostra dedicata ai Pink Floyd e non solo, che inaugurerà il prossimo 10 settembre al Victoria and Albert Museum di Londra.

Dopo il successo riscosso dalla mostra su David Bowie – adesso visitabile a Bologna – il rock torna quindi in una delle principali sedi museali inglesi con questa esposizione dedicata principalmente ai Pink Floyd, ma dove sono esposti anche oggetti appartenuti ad altri musicisti sempre negli Anni Sessanta.

Una celebrazione dell’età della rivoluzione, dove con la musica si pensava di poter cambiare il mondo e di un periodo che ha visto tra i suoi grandi protagonisti proprio i Pink Floyd di Syd Barrett. La mostra si preannuncia molto interessante e, quindi, c’è da sperare che, come accaduto per quella su David Bowie, anche in questo caso vi sia poi una sorta di tour internazionale che la porti anche in Italia.

mialaIntanto il quotidiano inglese The Guardian annuncia una seconda mostra che avrà come protagonisti ancora i Pink Floyd e come sede espositiva sempre il Victoria and Albert Museum. Questa esposizione, al contrario di quella che apre a settembre, sarà esclusivamente dedicata alla band inglse e porterà in mostra oggetti, immagini e documenti che faranno ripercorrere la storia musicale (e non solo) dei Pink Floyd, mettendo un forte accento sulla loro dimensione live, che ha realmente innovato il modo di fare spettacolo.
Particolarità di questa mostra è il fatto che, stando al Guardian, saranno gli stessi membri dei Pink Floyd a collaborare con gli organizzatori per l’allestimento, affinché la mostra sia la testimonianza fedele dell’importanza che questa band ha avuto sul panorama musicale e artistico internazionale.

@fedisp

Hits: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.