Pubblicato il Lascia un commento

Tim Cohen – Luck Man

A Tim Cohen piace giocare la parte dell’avvocato del diavolo e in questo disco, il primo da solista pubblicato per Sinderlyn, dal titolo ‘Luck Man’, lo fa magistralmente, tanto da sembrare il miglior amico del diavolo, tirando fuori la sua parte più dark, ma che rimane in qualche modo giocosa.
Registrato nel suo attico a San Francisco, dopo essersi trasferito da poco in questa città che ha per lungo tempo chiamato ‘casa’, questo album è un distillato di momenti personalissimi, che nascono dall’esperienza della stessa vita di Cohen: «Ho dipinto piccoli momenti di vita vissuta e di ricordi per creare questa musica», ha dichiarato Cohen e ha proseguito spiegando: «Mi piace pensare che sto lasciando un po’ di saggezza dietro di me, ma non posseggo abbastanza saggezza che duri tutto il tempo che mi serve per creare una canzone, così ho colto l’attimo e buttato giù le parole, poi, in un secondo momento, ci ho attaccato una melodia che ci funzionasse e, poi, l’ho registrata».
Influenzato dal Van Morrison di ‘Veedon Fleence’, Cohen affronta argomenti come l’amore, la speranza, la disperazione e ha creato le sue storie dei personaggi complessi e dei pensieri profondi.
Dopo aver scritto e composto musica per più di una decade sotto vari nomi, è chiaro che Cohen è più che capace di produrre un ottimo disco, sia che uno voglia addentrarsi nei meandri della vita dell’artista o ci si voglia fermare al solo ascolto di ottima musica.

TRACKLIST

  1. Wall About A Window
  2. Shine
  3. John Hughes
  4. Meat is Murder
  5. Breath and Die
  6. Bedfellows
  7. I Need A Wife
  8. Sunshine
  9. Clouds
  10. Irony
  11. Luck Man
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *