Pubblicato il Lascia un commento

John Moreland – Big Bad Luv

 

Quando aveva dieci anni, si trasferì dal Kentucky a Tulsa e, in questo modo, quando frequentava le superiori, venne in contatto con delle band che suonavano musica hardcore e punk, prima ancora di sentire la spinta verso la poesia verso il country e il folk: così è cresciuto John Moreland e si è formato il suo gusto musicale che oggi lo ha portato a dare vita a un nuovo lavoro, ‘Big Bad Luv‘.
«Avevo 19 anni nel 2004 – ricorda John -, Steve Earle aveva pubblicato ‘The Revolution Starts Now’ e mi ricordo che sentivo la canzone ‘Rich Man’s War’, avvertendo come un pugno allo stomaco». Moreland ha cercato di ricreare quel pugno da allora, componendo canzoni estremamente coinvolgenti e pubblicando – anche in autoproduzione – dal 2011».
il suo quarto album ‘Big Bad Luv’ è stato registrato a Little Rock e per lo più vi ha lavorato uno staff formato da amici di Tulsa: John Calvin Abney al piano e alla chitarra, Aaron Boehler al basso, Paddy Ryan alla batteria, Jared Tyler al dobro e Rick Steff (dei Lucero) al piano. Tutti assieme, in tre sessioni di registrazioni che si sono spalmate in oltre dieci mesi, poiché incastrate in mezzo a date di tour e alla vita di ogni giorno, è arrivato il risultato di un album che ha visto impegnato al mix Tchad Blake, vincitore del Grammy Award, che ha lavorato con leggende quali Al Green e Tom Waits.
Quando deve parlare di questo lavoro, Moreland lo definisce probabilmente il suo album più felice: «Non penso di aver scritto canzoni che sono poi così diverse. C’è sempre stato qualcosa di positivo nelle mie canzoni, anche se una canzone non è tutta sole che splende e arcobaleni. Alla fine, le mie canzoni sono un modo per esorcizzare i sentimenti negativi, in modo da superarli. E la mia speranza è che questo accada anche a chi ascolta le mie canzoni. E, in fondo, è quello che sto facendo anche questa volta. Penso che sia una cosa positiva: secondo me, in questo disco c’è un cambio di attitudine, ma il punto di vista è esattamente lo stesso».

TRACKLIST

  1. Sallisaw Blue
  2. Old Wounds
  3. Every Kind of Wrong
  4. Love Is Not an Answer
  5. Lies I Chose to Believe
  6. Amen, So Be It
  7. No Glory in Regret
  8. Ain’t We Gold
  9. Slow Down Easy
  10. It Don’t Suit Me (Like Before)
  11. Latchkey Kid

Hits: 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.