Pubblicato il Lascia un commento

‘A Kind Revolution’ festeggia i 40 anni di carriera di Paul Weller e ne conferma lo stile unico e inconfondibile

Qual è il modo migliore per festeggiare 40 anni di carriera? Ovviamente pubblicando un nuovo album. E’ quello che ha fatto Paul Weller, uscito con ‘A Kind Revolution’, suo tredicesimo album in studio, che arriva a quaranta anni precisi da quando pubblicò ‘In The City’.
Weller ha iniziato a lavorare a questo nuovo lavoro immediatamente dopo aver terminato di registrare ‘Saturns Pattern’ nel 2015, partendo dalla canzone forse più funk del disco ‘New York’ e passando al bellissimo brano gospel ‘The Cranes Are Back’, che lega assieme il volto sempre mutevole di Londra alla potenza della natura. Lo stesso titolo del disco viene da un verso di questo brano.
Musicisti ospiti di Paul Weller sono Andy Crofts e Ben Gordelier, a cui si aggiungono in varie canzoni Steve Cradock e Steve Pilgrim, mentre la canzone d’apertura del disco e il chitarrista Josh McClorey aggiunge la sua magia in tre canzoni. Il brano ‘Woo Sé Mama’ vede il supporto vocale di PP Arnold e di Madeleine Bell. Infine, Boy George porta la sua inconfondibile voce nella canzone di carattere funky ‘One Tear’.
Ma Paul Weller è riuscito anche in un altro miracolo: far uscire dal suo ritiro dalle scene un nome leggendario come Robert Wyatt che canta e suona la tromba in ‘She Moves With the Fayre’.
‘A Kind Revolution’ presenta dieci classici moderni di Paul Weller: cosa significa ‘canzoni moderne di Paul Weller’? Significa un suono immediatamente riconducibile all’artista inglese in maniera assolutamente certa, nel quale mischia tutte le sue influenze – dal rock, al R&B, al soul, al jazz – e costruisce da queste un genere assolutamente unico e riconoscibile.
Due chiari esempi di questo genere di stile sono due delle canzoni più riflessive e contemplative dell’album: ‘Long, Long Road’ e ‘Hopper’, che sarebbero potute diventare delle ballate, ma che, in mano a Weller si arricchiscono di trame e colori che le portano fuori da questa categoria.
Insomma, Paul Weller, più invecchia, più diviene saggio.
Il disco è stato prodotto da Jan ‘Stan’ Kybert e dallo stesso Weller ed è disponibile in cd, in una special edition con 3 cd, in lp in vinile da 12 pollici, un box set Limited Deluxe da 10″.

TRACKLIST

  1. Woo Sé Mama
  2. Nova
  3. Long Long Road
  4. She Moves With The Fayre
  5. The Cranes Are Back
  6. Hopper
  7. New York
  8. One Tear
  9. Satellite Kid
  10. The Impossible Idea

Paul Weller sarà in tour in Italia a settembre, per tre date: il 10 settembre a Bologna; l’11 settembre a Torino e il 12 settembre a Milano.

Hits: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.