Pubblicato il Lascia un commento

Kendrick Lamar – Damn

‘Damn’ è il quarto album in studio del rapper americano Kendrick Lamar, pubblicato dalla Top Dwag Entertainment e Interscope Records. Alla produzione di questo nuovo lavoro di uno dei rapper divenuti in questi anni punto di riferimento della scena hip hop internazionale, vi sono vari importanti personaggi, quali il produttore esecutivo dell’etichetta Top Dawg Entertainment, Anthony “Top Dawg” Tiffith; Sounwave; Sounwave; Mike Will Made It e Ricci Riera. Non mancano, inoltre, i contributi sempre alla produzione di James Blake, Steve Lacy, BadBadNotGood, Greg Kurstin, The Alchemist e 9th Wonder.
Supportato dal successo del singolo che lo ha preceduto, ‘Humble’, l’album ha debuttato al numero uno della classifica di Billboard in America e così risulta essere il terzo album di Lamar ad andare direttamente al primo posto in Usa alla sua uscita.
Il disco porta sicuramente la forte impronta di Kendrick Lamar, ma, rispetto ai lavori precedenti, è forse un po’ più ‘blues’.
‘Dna’ è stato il secondo brano ad essere registrato da Lamar e Mike Mill, dopo ‘Humble’. Le note che hanno accompagnato la sua uscita ci raccontano che dopo il primo verso, è stato registrato su un beat di Mike Will già preparato e sul quale Lamar ha iniziato a rappare a cappella: questo ha comportato che Will costruisse il beat attorno al rap, vanificando di fatto il lavoro fatto in precedenza. Il risultato, secondo Kendrick era caotico e, a quel punto, Mike Will ha messo insieme una seconda parte della canzone con l’intenzione di far percepire il sound come una battaglia tra Kendrick e il beat.
L’artwork della copertina del disco è stata affidata, ancora una volta, a Vlad Sepetov, che ha dato vita anche alle copertine degli ultimi due album di Kendrick Lamar: l’autore ha descritto la copertina come ‘forte e abrasiva’ e ha continuato dicendo che, sebbene non vi fossero i riferimenti politici degli altri due dischi, è comunque una copertina con la sua energia. Anche la posizione inusuale dell’etichetta del parental advisory è stata una scelta consapevole e non casuale, in modo che fosse parte del concept stesso dell’artwork.

TRACKLIST

  1. Blood
  2. DNA
  3. Yah
  4. Element
  5. Feel
  6. Loyalty (featuring Rihanna)
  7. Pride
  8. Humble
  9. Lust
  10. Love (featuring Zacari)
  11. XXX (featuring U2)
  12. Fear
  13. God
  14. Duckworth
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *