Pubblicato il Lascia un commento

Anche gli italiani Ofeliadorme con Howie B e Joseph Arthur sul palco Bowers & Wilkins al Womad 2017

Ci saranno anche gli italiani Ofeliadorme al Womad Festival 2017, in programma a Charlton Park dal 27 al 30 luglio prossimo. Il gruppo italiano infatti è stato invitato a esibirsi sul palco del Bowers & Wilkins, dove si alterneranno le band e i musicisti più sperimentali presenti al festival.

Con una programmazione di tre giorni, sotto la cupola della Bowers & Wilkins si svolgerà un programma che vedrà alternarsi artisti di primo piano nel mondo dell’elettronica ad altri più connessi allo spirito stesso del festival, creando un programma variegato e interessante.

Il punto della Bowers & Wilkins infatti è stato pensato appositamente per creare un’esperienza sonora unica che porta al cuore stesso della musica, grazie a un impianto appositamente disegnato e che ha dato come risultato un palco dove il suono è straordinariamente pulito. Non a caso, lo scorso anno, proprio su questo palco si parlò a lungo della qualità sonora dei vinili, con ascolti comparati per percepirne le differenze.

Nel programma di quest’anno, venerdì i protagonisti saranno i Blue Lab Beats la cui fusione di neo-soul, hip hop e suoni jazz sta incantando l’industria della musica e li sta attestando come una delle novità più interessanti del panorama musicale. Quella al Womad è una delle rare apparizioni live di questo gruppo e, quindi, rappresenta sicuramente un’occasione ghiotta per poter apprezzare questo nuovo suono.

Ci sarà, poi, Joseph Arthur, della scuderia Real World Records che proporrà una serie di canzoni dal suo album ‘Redemption’s Son’ che celebra il quindicesimo compleanno, mentre Anchorsong portano al Womad il loro show che è stato descritto ‘come guardare un pittore che dipinge su una tela bianca’, dal momento che creando delle composizioni live, usando il sampler e la tastiera.

La serata di venerdì chiude con il leggendario dj Howie B a cui si affianca Craig Richards: i due infatti collaborano a una sessione speciale intitolata ‘Hurtle’. L’esibizione al festival di Charlton Park, per Howie B rappresenta una sorta di preview per il progetto discografico che sarà pronto a uscire prima della fine del 2017.

Il pomeriggio di sabato vede come protagonisti gli Ofeliadorme, che portano al festival inglese la loro fusione di new wave italiana, indie-rock e dream pop. Oltre a loro, sempre nel pomeriggio ci saranno i Portico Quartet, forti della nomination al Mercury Prize, che oltre alla loro energia che li ha resi famosi, porteranno sul palco dello stage Bowers & Wilkins anche l’anteprima del loro nuovo album ‘Art in the Age of Automation’, che sta per uscire sul mercato internazionale.

La serata di sabato è aperta da Rival Consoles, un artista conosciuto per rendere etereo il suono dei sintetizzatori che, in questo modo, divengono quasi umani. Rival Consoles darà vita a un live nel quale eseguirà musica dance ed elettronica.

Quando la notte cala sul parco che ospita il Womad, toccherà al duo Addictive Tv mantenere alta la tensione. I due musicisti hanno esplorato la musica di oltre 25 Paesi con il loro show ‘Orchestra of Samples’: oltre 200 musicisti che non si sono mai incontrati prima, arrivano sullo schermo per vedere la loro musica campionata, dando così vita a una fusione di suoni e visioni.

La giornata di domenica sarà aperta da Nick Mulvey che spacchetterà il suo processo di scrittura e spiegherà il viaggio musicale che sta alle spalle del suo ultimo album nell’incontro intitolato ‘In conversation’.
Tom Hickox invece suonerà la sua potente musica dall’ultimo album ‘Monster in the Deep’. A seguire toccherà al polistrumentista svedede Loney Dear, il cui album, atteso da lungo tempo, sarà pronto solo a fine di quest’anno. Speech Debelle, la rapper inglese nominato al Mercury Prize, presenterà invece il suo recente lavoro ‘Tantil before I breathe’ che fonde i suoi due amori: la musica e il cibo, che, per lei, sono forme d’arte comparabili e che sono fonte di ispirazione.

Dj Floating Points chiuderà il weekend con un set molto atteso, nel quale sarà protagonista la sua futuristica dance elettronica che ha caratterizzato il suo album ‘Elaenia’.

Durante tutti e tre i giorni, la tecnologia e l’arte si incontreranno in questo spazio speciale, dove si svolgeranno delle sessioni musicali sperimentali che saranno condotte da Dorit Crysler e Charlie Draper, maestri di Theremin, strumento misterioso, dal suono che diffonde una magia tutta speciale. Oltre a loro, vi sarà Atau Tanaka, compositore nippo-americano che vive a Londra e che usa i movimenti del corpo e i gesti dell’uomo per creare musica elettronica dal vivo.
Spazio anche per Project Adrift, incontro di arte, scienza e suono davvero unico che ha come protagonisti Cath Le Couteur e Nick Ryan, che hanno creato ‘Machine 9’, strumento musicale meccanico che trasforma il movimento di 27mila piccoli pezzi di spazio in suono.

Hits: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.