Pubblicato il Lascia un commento

Targhe Tenco 2017: in attesa dei vincitori, ecco chi ha ricevuto la nomination

Tempo d’estate, tempo di ‘Targhe Tenco’ che a breve saranno assegnate da una giuria di 200 giornalisti musicali a cinque categorie di musica italiana, che vengono premiate da questa manifestazione.
E’ dal 1984 che le Targhe Tenco son uno dei più prestigiosi e ambiti premi della critica musicale italiana e vengono premiate la canzone, il disco in assoluto, il disco in dialetto e l’opera prima per quello che riguarda il mondo del cantautorato. Vi è poi una categoria riservata agli interpreti di canzoni che non hanno scritto loro.

La votazione avverrà a breve e, dopo le formalità di voto, si sapranno i vincitori della targa del 2017: i vincitori per poter tenere tra le loro mani l’ambito riconoscimento, invece, dovranno attendere ottobre quando si svolgerà la Rassegna della canzone d’autore al Teatro Ariston di San Remo.

Intanto, però, ecco coloro che hanno ricevuto la già importantissima nomination.

– DISCO IN ASSOLUTO –
Baustelle – ‘L’amore e la violenza’
Paolo Benvegnù – ‘H3+’
Brunori Sas – ‘A casa tutto bene’
Edda – ‘Graziosa utopia’
Le Luci della centrale elettrica – ‘Terra’
Claudio Lolli – ‘Il grande freddo’

– OPERA PRIMA –
Blindur – ‘Blindur’
Colombre – ‘Pulviscolo’
Lastanzadigreta – ‘Creature selvagge’
Mara Dedeghieri – ‘Recidiva’
Carlo Valente – ‘Tra l’altro’

– ALBUM IN DIALETTO –
Cesare Basile – ‘U fujutu su nesci chi fa?’
Foja – ‘ ‘O treno che va’
Gabriella Lucia Grasso – ‘Vussia cuscenza’
Canio Loguercio e Alessandro D’Alessandro – ‘Canti, ballate e ipocondrie d’ammore’
Pupi Di Surfaro – ‘Nemo profeta’

– CANZONE SINGOLA –

Baustelle – ‘Amanda Lear’
Brunori Sas – ‘La verità’
Michele Gazich – ‘Storia di un uomo che vendette la sua ombra’
Loguercio e D’Alessandro – ‘Ballata dell’ipocondria (o del vibrione innamorato)’
Ermal Meta – ‘Vietato morire’

– INTERPRETE DI CANZONI –
Gerardo Balestrieri – ‘Covers’
Teresa De Sio – ‘Teresa canta Pino’
Ginevra Di Marco – ‘La Rubia canta la Negra’
Di Martino / Fabrizio Cammarata – ‘Un mondo raro’
Gang – ‘Calibro 77’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *