Pubblicato il Lascia un commento

Gov’t Mule – Revolution Come … Revolution Go

Decimo album per i Gov’t Mule, dal titolo ‘Revolution Come … Revolution Go’ che si muove agilmente – come sempre con questa formazione del resto – tra rock, blues, soul, jazz e country.
Nei quattro anni che sono intercorsi tra l’ultimo album dei Gov’t Mule e questo album, il frontman Warren Hayes non è certamente stato con le mani in mano è ha suonato con gli Allman Brothers durante il loro ultimo tour, nonché ha realizzato un tributo a Jerry Garcia assieme all’orchestra sinfonica. Detto questo, nessun’altra musica che ha visto la luce dalla sua creatività ha la stessa forza di quella creata con i Gov’t Mule, che, oltre a lui, annovera nella line-up il batterista Mat Abts, il tastierista e chitarrista Danny Louis e il bassista Jorgen Carlsson.
La composizione di ‘Revolution Come … Revolution Go’ è iniziata durante la notte elettorale del 2016: la band, infatti, aveva la sua idea di come dovessero andare le cose e la loro più grande paura è divenuta reale, influenzando la direzione della stessa musica di quest’album, come d’altronde dimostra lo stesso titolo del lavoro, ‘Revolution Come … Revolution Go’. Qua infatti ‘revolution’, nel dizionario dei Gov’t Mule diventa un nome, un aggettivo, un verbo o addirittura una metafora, ma soprattutto descrive una qualche tendenza nella musica e nella società che è strettamente legata agli eventi storici, politici e spirituali.
La conseguenza è che la musica si fa più dura e offre atmosfere e sapori completamente nuovi che si vanno ad aggiungere a quella che la normale offerta della band.
Si tratta sicuramente dell’album più strettamente legato all’attualità di questa formazione e che maggiormente risente dell’atmosfera che lo circonda, con un senso di urgenza che lo caratterizza dall’inizio alla fine. Non è un disco implorante, bensì si tratta di un disco arrabbiato, dove la rabbia si riflette attraverso la lente dell’empatia.
Non solo, rappresenta anche una rispolverata del suono della band, che si fa più fresco, pur rimanendo caratterizzato da un’eccellente capacità di scrittura e arrangiamento musicale.

TRACKLIST

  1. Stone Cold Rage
  2. Drawn That Way
  3. Pressure Under Fire
  4. The Man I Want To Be
  5. Traveling Tune
  6. Thorns Of Life
  7. Dreams & Songs
  8. Sarah, Surrender
  9. Revolution Come, Revolution Go
  10. Burning Point
  11. Easy Times
  12. Dark Was The Night, Cold Was The Ground
  13. What Fresh Hell
  14. Click-Track
  15. Outside Myself
  16. Revolution Come, Revolution Go – Alternate Version
  17. The Man I Want To Be – Live In Studio Version
  18. Dark Was The Night, Cold Was The Ground – Live In Studio Version
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *