Pubblicato il Lascia un commento

Trasferta londinese ad agosto per il Womad Festival

Per festeggiare i suoi primi 35 anni, il Womad Festival, per la prima volta, lascia i verdi campi del Wiltshire, per approdare lungo il fiume Tamigi e Londra, portando con sé la sua esplosione di musica, colori e culture.

Dall’11 al 13 agosto, infatti, a Londra, a Southbank, verrà proposto un intero weekend di musica e danza da tutti gli angoli del mondo, inseriti nel programma del River Stage Festival.
La line-up vede la presenza degli Afro Cluster che porteranno i ritmi afro-funk e hip-hop che si mescolano con un’appassionata coscienza politica che si trova nei testi delle loro canzoni.

Ci sarà anche Mr. Benn feat. Souls Liberation e Bongoson, i cui suoni jungle e high-life non mancheranno di far saltare il pubblico.

Nel corso del weekend, poi, saranno organizzati workshop con il danzatore e coreografo Ripton Lindsay a la sua Jus Dance Workshop: divertimento ed energia mixate insieme nei balli tradizionali della Giamaica e nei suoi ritmi più famosi, quelli del reggae e del calypso. Altri corsi saranno tenuti da Grace Savage che darà vita a una full immersion nell’esperienza del beatboxing, dove chiunque parteciperà potrà imparare le nozioni di base di questo genere.
E ancora NIMBA, un’energetica e acrobatica compagnia di danza dell’Africa occidentale che darà vita a una lezione delle loro danze tribali per quella che si preannuncia un’esperienza veramente unica.

Una presenza sicuramente di rilievo è quella di Msafiri Zawose, il carismatico innovatore Gogo della Tanzania e del suo gruppo formato da cinque persone. E ancora, il pioniere dell’Indian Style, The Bollywood Brass Band, SAmira Kheir, diva jazz sudanese, i Gipsy Hill con il loro surf rock tutto mediterraneo e il re della dancehall Movimientos, che porta il suo marchio di fabbrica legato ai ritmi lativi.

Insomma, il Womad Festival fa il suo debutto sulle rive del Tamigi portando con sé un’ampia gamma di musica diversa, ritmi completamente diversi tra loro e colori: «Il Womad – commenta il direttore del Womad, Chris Smith – celebra la diversità, lo stare insieme e il condividere le culture al di là dei confini, così è perfetto per noi collaborare al River Stage, portando alcuni dei migliori performer, così diversi tra loro, ‘rumorosi’, vari e colorati da posti diversi del pianeta. Siamo felici di portare un’ondata di colore e delle vibrazioni funky dal Womad fino al centro di Londra e di lavorare con un’istituzione così prestigiosa come la NT».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *