Pubblicato il Lascia un commento

Una nuova canzone degli Arcade Fire pubblicata per il 4 luglio anticipa di qualche settimana l’uscita di ‘Everything Now’

Ci sono tanti modi di festeggiare il 4 luglio. Gli Arcade Fire hanno deciso di condividere via Soundcloud un nuovo brano in attesa dell’uscita del nuovo disco, ‘Everything Now’, cosa che avverrà a fine mese e, più precisamente il 28 luglio prossimo.

In particolare è stato Will Butler a condividere sulla sua pagina Soundcloud , ha condiviso la canzone ‘Anything You Want’, nella quale Butler parla del suo personale punto di vista della storia degli Stati Uniti. Una lettura, come dicevamo, personale e sicuramente interessante, essendo gli Arcade Fire da sempre molto impegnati a livello sociale e politico.

Musicalmente, c’è da notare come il ritornello della canzone rimandi a quello di ‘You got it’ di Roy Orbison. Butler ha dichiarato che la canzone non sia stata scritta appositamente per il 4 luglio, ma, comunque, il testo gli è parso perfettamente appropriato per la ricorrenza e questo lo ha portato a condividerlo.

Intanto cresce l’attesa per il nuovo album ‘Everything Now’ – il cui video della canzone che porta il titolo dell’album è stato anche ‘clip of the week’ dello Sky Stone & Songs – che arriva dopo quattro anni dal suo predecessore ‘Reflektor’ ed è stato registrato a Parigi, Montreal e New Orleans.
A produrre il nuovo lavoro, oltre alla band, troviamo Steve Mackey (Pulp), Thomas Bangalter (Daft Punk) e Markus Dravs.

Sul sito ufficiale della band si possono vedere anche le 20 diverse versioni del disco con l’artwork diverso e la traduzione in venti diverse lingue della versione in vinile, ovviamente a tiratura limitata così come esisterà una versione ‘day’ e una versione ‘night’ per il cd.

Will Butler, parlando di questo disco, ha detto: «C’è una sorta di sensazione di immediatezza della vita. E’ come se ogni evento, se tutto quello che avviene, ci stesse circondando da ogni lato. Tutto questo si traduce nel cercare di catturare alcune delle esperienze dell’essere vivo adesso, in tutta la loro magnificenza e in tutte le loro imperfezioni».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *