Pubblicato il Lascia un commento

E’ Roger Waters la ‘star’ dell’evento del Lucca Summer Festival 2018

Non sarà uno spettacolo già visto, nonostante le molte date che fa ad aprile in Italia. Sarà qualcosa di nuovo e diverso. Sarà Roger Waters che porta l’open air di ‘Us + Them’, che ha fatto una sola volta, al Desert Trip Festival a Città del Messico che ripeterà solo altre tre volte, di cui una a Lucca l’11 luglio prossimo, grazie all’organizzazione della D’Alessandro e Galli.

 

E’ stato ufficializzato, infatti, l’evento dell’edizione 2018 del Lucca Summer Festival, quello che si svolgerà sugli spalti all’ex Campo Balilla e sul quale c’era tantissima attesa e curiosità. Attesa finita con l’annuncio ufficiale: Roger Waters farà due date italiane, una a Lucca (l’11 luglio appunto) e l’altra al Circo Massimo di Roma il 14 luglio. L’altra data europea sarà a Londra a Hyde Park, il 6 luglio.

 

Lo spettacolo si preannuncia molto diverso da quello che potremo vedere a Bologna e Milano ad aprile: innanzi tutto gli spazi saranno diversi, poi c’è il fatto che il palco riproporrà la copertina di ‘Animals’ e, cioè, la Battersea Power Station di Londra, in tutta la sua immensa bellezza. Una copertina che ha fatto la storia del rock e che vedremo diventare viva di fronte ai nostri occhi.

Ovviamente – ma è superfluo dirlo – non mancherà il maiale volante o l’aereo che si schianta sul palco, anche se la parte del leone nella scaletta sembra essere quella di ‘The Wall’.

Anzi, è stato proprio ‘The Wall’ uno dei motivi della scelta di Lucca: «E’ stato lo stesso Roger Waters – dice Mimmo D’Alessandro che ha organizzato il concerto – a scegliere dove fare i concerti e ha voluto Lucca proprio perché il palco sta accanto alle Mura cinquecentesche che secondo lui si abbinano perfettamente ai concetti espressi nel concerto».

 

Insomma Waters voleva le Mura di Lucca per questo concerto. E le ha avute.

 

Altro particolare non da poco è il fatto che il suono sembra che in questo concerto si avvalga di un impianto di ultimissima generazione che lo riproduce in una definizione altissima, diventando una sorta di ‘esperienza sonora’, che lo stesso D’Alessandro dice di non aver mai sentito.

 

In scaletta, come dicevamo, molto ‘The Wall’, anche tutti gli altri classici dei Pink Floyd nonché non pochi brani dall’ultimo lavoro del musicista ‘Is This The Life We Really Want?‘ (di cui si può leggere qua).

 

D’Alessandro afferma che il concerto dei Rolling Stones è stato in qualche misura istruttivo e farà sì che questo nuovo evento sugli spalti sia organizzato ancora meglio, facendo in modo che i problemi siano sempre meno.

Sostanzialmente la logistica del prato sarà lievemente diversa da quella degli Stones, anche perché sono diverse le esigenze del palco. Ad ogni modo, D’Alessandro sta valutando se, invece di una gradinata a sedere sul fondo del prato, non sia il caso di mettere una pedana rialzata. Ma tutto questo è ancora da studiare. Sicuramente ci sarà un’area ‘pit’ e un secondo settore, nonché è confermata anche la gradinata laterale, che garantisce una vista perfetta.

 

Per quanto concerne il costo dei biglietti varierà dagli 80 ai 110 euro e andranno in prevendita esclusiva su Virgin Radio da lunedì 11 mentre da giovedì 14 on line sul sito di TicketOne e su quello della D’Alessandro e Galli, infine dal 15 dicembre nei punti vendita abituali.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *