Pubblicato il Lascia un commento

Torna disponibile in cd e in vinile ‘No More Censorship’, rivisto e corretto dagli Scream nel suono e nell’immagine

La Southern Lord Records ripubblica </li> (No More Censorship) della band punk di Washington Scream, che, per questo album, aveva alla batteria Dave Grohl.
La pubblicazione di questo classico è dedicata all’influente fotografa Naomi Petersen che ha fatto sì che le registrazioni originali di questo album sopravvivessero.

 

Essendo un’amica di lungo corso della band, Naomi ha catturato molte immagini memorabili di un’era. Anni dopo il loro primo incontro, Naomi ha ritrovato le registrazioni originali, coperte di polvere e le ha spolverate e passate a Pete Stahl, prima che andassero veramente perse.

 

Gli Scream hanno visto questo riemergere dalla polvere dei nastri una seconda opportunità per far conoscere questo disco fondamentale per la loro carriera. Da parte sua, la Southern Lord ha preso i nastri e li ha remixati ai 606 Studio di Dave Grohl.
Questo nuovo mix suona vitale e intenso. La confezione, il layout e il design invece sono completamente diversi da quelli originali e comprendono foto, testi, poesie e altri scritti personali della band, ripresi dagli appunti dell’epoca, il tutto sistemato in un ricco booklet.

 

C’è anche un’altra parte della storia di questo album, naturalmente. Una ragione più profonda per la sua ripubblicazione, come spiega Stahl: «Questo nostro secondo album è stato scritto durante la presidenza di Ronald Reagan. La politica estera degli Stati Uniti era distruttiva in America centrale e latina, Iran, Contra. L’arte e la musica stavano venendo censurati. I testi delle canzoni erano oggetto di discussione al Congresso e sulle cover degli album venivano apposti degli avvertimenti. Uno degli esempi più amari è quello dei Dead Kennedy che furono portati davanti alla Corte: gli Scream raccolsero i soldi per sostenere i Dead Kennedy davanti alla Corte e, di conseguenza, combattere questa oppressione. Molto di quello che accadde poi è molto importante anche oggi. La storia si ripete».

 

«L’attivismo e artivismo – continua Franz Stahl – è sempre stato una parte importante del lavoro degli Scream e una forza motrice nella musica della band e nel nostro approccio agli Anni Ottanta. Poiché hanno rivisto quella musica, remixandola e, quindi, rendendola più contemporanea, è stato giusto anche rivedere l’artwork, per adeguare al presente l’intero album ed è ispirato dall’artista cinese Ai Weiwei, che è anche attivista e conosciuto per essere stato spesso censurato dal ‘potere’. Sia la cover del Cd che del vinile sono uniche ma ambedue sono state create nello spirito di una mostra di Weiwei, abbinata alla nostra idea sulla limitazione e la censura delle informazioni. Abbiamo lalsciato solo un acronimo del titolo originale e un numero per l’anno in cui abbiamo fatto il remix».

 

 

Gli Scream si sono formati negli Anni Ottanta al liceo dal cantante Peter Stahl, suo fratello Franz alla chitarra, e ancora Skeeter Thompson al basso e Kent Stacks alla batteria, a cui si aggiunge il secondo chitarrista Robert Lee Davidson. ‘No More Censorship’ venne pubblicato dall’etichetta reggae Ras Record nell’agosto del 1988 e fu il primo che vedeva alla batteria Dave Grohl, che rimpiazzò Stacks per questo album per poi restare con la band fino al 1990.

 

 

Dopo che si sono sciolti, molte ‘incarnazioni’ si sono riunite e hanno fatto rivivere la band per dei tour e dei dischi. I membri della band inoltre hanno suonato e formato in moltissimi importanti lavori di altre band, tra cui i Nirvana, i Foo Fighters, gli earthlings?, i Wool, i Queens of the Stone Age, i The Suspect, i Goatsnake e molti altri.

 

TRACKLIST

  1. Take it from The Top
  2. Something In My Head
  3. Binge
  4. God Squad
  5. Hit Me
  6. Building Dreams
  7. No More Censorship
  8. It’s The Time
  9. Fucked Without a Kiss
  10. Glc
  11. Run to The Sun
  12. No Escape
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *