Pubblicato il Lascia un commento

I Mumford & Sons vincono la sfida, riescono a mixare pop e folk nel nuovo ‘Delta’ trovando la quadratura del cerchio

Delta è il nuovo album dei Mumford & Sons che arriva dopo un periodo abbastanza lungo di silenzio.
Il disco precedente, ‘Wilder Wind’ aveva segnato una svolta pop dalla band inglese che era arrivata al successo grazie a un folk attuale e decisamente approcciabile anche da chi non si può ascrivere tra gli appassio­nati del genere.

L’essere etichettati come band folk però, dopo il successo planetario di ‘Babel’ li ha portati a compiere una profonda riflessione che li ha, di fatto, allontanati dai loro suoni.
Una decisione sicuramen­te coraggioso, ma che li ha pagati solo fino a un certo punto.
I fans storici dei Mumford & Sons non hanno più trovato la musica che aveva fatto loro amare la band.
I nuovi fans, per contro, non vi hanno trovato quel qualcosa che ne avrebbe
fatto un disco speciale, ma hanno trovato un piacevole disco pop/rock che
ascolti per un po’ e poi accantoni, scordandotene senza troppi rimpianti.

Insomma una scelta si che non ha avuto i risultati sperati e (forse)
preventivati.
Ecco allora che, a parte qualche rara collaborazione, Mumford hanno cercato
di fare tesoro di questa esperienza prendendosi un momento di pausa per
resettare il tutto a ripartire.

E sembra proprio che siano ripartiti con il piede giusto.
‘Delta’ è una buona sintesi tra il folk dei primi due album e il pop dal terzo.

I ritmi si fondono e l’album alterna momenti tipicamente folk a suoni più facili e orecchiabili. Momenti che danno vita a qualcosa di unico nel suo genere La sintesi tra folk e rock non è certo una strada nuova, ma qua viene percorsa con fa schiena. Ed è questa frescura che dà ai Mumford la forza di reinventarsi una terza volta, uscendo però definitivamen­te da quella gabbia
folk che probabilmente oramai sentivano decisamente troppo stretta.
Ed è quella freschezza che fa sì che valga la pena ascoltare questo disco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *