Pubblicato il Lascia un commento

Rustin Man – Drift Code

‘Drift Code’ è il secondo album di Rustin Man, il moniker sotto il quale si ‘nasconde’ Paul Webb, bassista dei Talk Talk, il quale, per il primo progetto – datato 2002 – ‘Out of Season’ aveva collaborato con Beth Gibbons dei Portishead.

Il disco è stato registrato nello studio personale di Webb, nell’Essex, che si trova nella casa dell’artista, a sua volta edificata su un vecchio fenile, tre miglia dal paese più vicino. L’album risente delle atmosfere nelle quali è nato e presenta una sorta di saggia euforia, alla quale si affianca un acuto senso dello storytelling e del surrealismo.

Musicalmente, lo stesso Webb ha affermato di essere stato fortemente influenzato dalle atmosfere jazz degli Anni Quaranta che ama in modo particolare e di queste si ha ampio riscontro nell’intero lavoro.

‘Drift Code’ è nato a seguito di un lungo lavoro, che ha visto lavorare con Webb, l’amico di sempre Lee Harris con il quale aveva condiviso anche l’esperienza dei Talk Talk, ma anche nuovi collaboratori quali James Yorkston e Mark Cotgrove.

I brani che caratterizzano questo nuovo lavoro hanno un fascino tutto loro che ammalia l’ascoltatore – ovviamente quello che ama questa atmosfere in qualche modo rarefatte – e invita ad ascolti ripetuti.

TRACKLIST

  1. Vanishing Heart
  2. Judgement Train
  3. Brings Me Joy
  4. Our Tomorrows
  5. Euphonium Dream
  6. The World’s In Town
  7. Light The Light
  8. Martian Garden
  9. All Summer

Hits: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.