Damon Albarn – The Nearer The Fountain More Pure The Stream Flows

30,00

LP

TOP TEN ALBUM OF THE YEAR 2021 – Art/Pop fatto di ninne nanne jazzate e malinconiche ballate

Disponibile su ordinazione

Descrizione

The Nearer The Fountain, More Pure The Stream Flows da una poesia John Clare poeta romantico inglese, amato dalla madre, da il titolo al nuovo album di Damon Albarn, il secondo a suo nome. In copertina campeggia un enorme masso nero su una spiaggia d’Islanda, dove Albarn vive da molti anni, rapito dalla bellezza del paesaggio estremo e dai silenzi arcaici che lo circondano. Sembra una lapide con tanto di epigrafe poetica e il senso oscuro che rimanda è lo stesso che troviamo nei solchi delle canzoni, nate per un progetto orchestrale ispirato ai paesaggi dell’isola e poi trasformate con l’aiuto di Simon Tong chitarrista dei Verve e Mike Smith collaboratore dei Gorillaz, verso un art-pop, fatto di ninne nanne jazzate e malinconiche ballate. Una sorta di confessione autobiografica sui temi della perdita, del tempo, della morte e della rinascita, degli uomini e della natura che vivono i loro cicli vitali in dimensioni solo apparentemente distanti. La morte del suo grande amico Tony Allen (il leggendario batterista nigeriano gran cerimoniere dell’Afrobeat e motore di una rivoluzione musicale ancora in divenire) e le riflessioni sull’emergenza climatica (sulla forza e debolezza della natura, così ben rappresentata dai vulcani e dai ghiacciai islandesi) hanno trasformato le bozze improvvisate per il progetto iniziale in canzoni che sono piccole colonne sonore di aurore boreali. Fotografie in bianco e nero di un mondo, il suo e il nostro, sempre più in bilico e di fronte a scelte ormai irreversibili. Don’t get too comfortable.

Hits: 2

Informazioni aggiuntive

Tipo

LP

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Damon Albarn – The Nearer The Fountain More Pure The Stream Flows”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…