Robert Wyatt – Rock Bottom

10,90

CD

Disco meraviglioso pubblicato nel 1974 da Robert Wyatt dopo il tragico incidente, è un’opera introspettiva, la cui estrema originalità la rende difficile da classificare, ma la pone senza dubbio al cardine di tutta la storia della musica (o almeno di quella che noi amiamo). L’album prodotto dall’amico Nick Mason è album intimista e poetico, dove il lavoro fatto da Wyatt sulla voce sul suo suono, sui suoi silenzi, sul respiro, vibra – è proprio il caso di dirlo – sulle frequenze più profonde dell’essere. Struggente nella sua malinconica bellezza, dolce e disperato è un flusso continuo come una corrente marina che scorre sotto le onde degli oceani. Basta non porre resistenza, basta lasciarsi inondare, colmare da questo soffio, per ritrovarsi come d’incanto in una spirale che ci trascina negli abissi dell’anima. Là dove Wyatt dopo i grandi lavori con i Soft Machine e i Matching Mole, ma soprattutto dopo il drammatico volo che lo lascerà per sempre su una sedia a rotelle, trova per lui e per noi, in quella oscurità, nel punto più oscuro e lontano, il seme eterno della luce. Il seme eterno della luce. Non un disco ma un’opera d’arte immensa.

Descrizione

Tracklist

Sea Song (Robert Wyatt) – 6:31
A Last Straw (Robert Wyatt) – 5:46
Little Red Riding Hood Hit the Road (Robert Wyatt) – 7:40
Alifib (Robert Wyatt) – 6:55
Alife (Robert Wyatt) – 6:31
Little Red Robin Hood Hit the Road (Robert Wyatt) – 6:08

Formazione
tra parentesi, il numero di traccia dove il musicista ha suonato

Robert Wyatt – Voce e tastiere (1, 2, 3, 4, 5 e 6), percussioni occasionali (2 e 3), tamburo (1, 3 e 4), chitarra slide (2), piccola batteria (3)
Mike Oldfield – Chitarra (6)
Gary Windo – Clarinetto basso (5)
Ivor Cutler – Voce (3 e 6), concertina (6)
Alfreda Benge – Voce (5)
Mongezi Feza – Tromba (3)
Fred Frith – Viola (6)
Hugh Hopper – Basso (2, 4 e 5)
Richard Sinclair – Basso (1, 3 e 6)
Laurie Allan – Batteria (2 e 6)

Informazioni aggiuntive

Tipo

CD

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Robert Wyatt – Rock Bottom”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…