Robert Wyatt – Rock Bottom

34,90

LP

Disco meraviglioso pubblicato nel 1974 da Robert Wyatt dopo il tragico incidente, è un’opera introspettiva, la cui estrema originalità la rende difficile da classificare, ma la pone senza dubbio al cardine di tutta la storia della musica (o almeno di quella che noi amiamo). L’album prodotto dall’amico Nick Mason è album intimista e poetico, dove il lavoro fatto da Wyatt sulla voce sul suo suono, sui suoi silenzi, sul respiro, vibra – è proprio il caso di dirlo – sulle frequenze più profonde dell’essere. Struggente nella sua malinconica bellezza, dolce e disperato è un flusso continuo come una corrente marina che scorre sotto le onde degli oceani. Basta non porre resistenza, basta lasciarsi inondare, colmare da questo soffio, per ritrovarsi come d’incanto in una spirale che ci trascina negli abissi dell’anima. Là dove Wyatt dopo i grandi lavori con i Soft Machine e i Matching Mole, ma soprattutto dopo il drammatico volo che lo lascerà per sempre su una sedia a rotelle, trova per lui e per noi, in quella oscurità, nel punto più oscuro e lontano, il seme eterno della luce. Il seme eterno della luce. Non un disco ma un’opera d’arte immensa.

Per ordinarlo, prima fai una verifica. Copia il codice e clicca su DISPONIBILITA' PRODOTTO.

Descrizione

Tracklist

Sea Song (Robert Wyatt) – 6:31
A Last Straw (Robert Wyatt) – 5:46
Little Red Riding Hood Hit the Road (Robert Wyatt) – 7:40
Alifib (Robert Wyatt) – 6:55
Alife (Robert Wyatt) – 6:31
Little Red Robin Hood Hit the Road (Robert Wyatt) – 6:08

Formazione
tra parentesi, il numero di traccia dove il musicista ha suonato

Robert Wyatt – Voce e tastiere (1, 2, 3, 4, 5 e 6), percussioni occasionali (2 e 3), tamburo (1, 3 e 4), chitarra slide (2), piccola batteria (3)
Mike Oldfield – Chitarra (6)
Gary Windo – Clarinetto basso (5)
Ivor Cutler – Voce (3 e 6), concertina (6)
Alfreda Benge – Voce (5)
Mongezi Feza – Tromba (3)
Fred Frith – Viola (6)
Hugh Hopper – Basso (2, 4 e 5)
Richard Sinclair – Basso (1, 3 e 6)
Laurie Allan – Batteria (2 e 6)

Informazioni aggiuntive

Tipo

LP

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Robert Wyatt – Rock Bottom”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…

  • Caravan - In The Land Of Grey And Pink

    Caravan – In The Land Of Grey And Pink

    30,10
    I Caravan insieme ai Soft Machine, sono la band più rappresentativa del cosiddetto Canterbury Sound, una filiazione condita di jazz, sperimentalismo e spesso ironia humor e fantasia, del Progressive made in England. Il primo lato dell’album (se parliamo ovviamente del vinile) si divide tra toni molto british ad esempio la prima traccia, una canzone pop screziata di psichedelia e sottilmente leggera e un suono che dal folk si fa decisamente più progressive, dove i tempi si dilatano, permettendo alla band di esprimere tutto il suo potenziale, fatto di ritmiche jazz e lunghe affascinanti fughe tra tastiere e chitarra elettrica. La title track, solare graziosa indimenticabile, come la famosa copertina, si fa amare incondizionatamente. Ma è con la lunga suite ‘Nine Feet Underground’ (occupa l’intero secondo lato del disco), che i Caravan calano il loro asso che li consegnerà alla storia. Nei suoi 22’44 dominati dalle tastiere di David Sinclair e sostenuti da una ritmica jazz rock unica per gusto, leggerezza e complessità, da un cantato sognante e onirico, sintetizza la gaia e impressionante, per bravura, visione dei musicisti. Andando a chiudere un album che ha sollevato e salvato il Prog da pesantezze e ostentazioni varie. Non fosse che per questo, un disco da inserire nella nostra lista dei dischi fondamentali del genere.
    Aggiungi al carrello LPNon Disponibile
  • King Crimson - In The Court Of Crimson King

    King Crimson – In The Court Of Crimson King

    11,9024,90
    Disco iconico del Rock a partire dalla copertina che ritrae l’urlo dell’uomo schizoide del XXI secolo, ma soprattutto disco imprescindibile per capire l’evoluzione e l’accelerazione che ha avuto il Rock sul finire degli anni sessanta. Il disco pubblicato nell’ottobre del ‘69, dopo che il nome dei King Crimson circolava da tempo nell’underground inglese e avevano già lasciato un segno clamoroso ad Hyde Park di supporto allo storico concerto dei Rolling Stones, è un capolavoro assoluto e al contempo, un’opera singolare nella immensa produzione del Re Cremisi. Robert Fripp, Ian McDonald, Greg Lake, Michael Giles, il visionario poeta Pete Sinfield, in cinque splendide tracce offrono un saggio della loro bravura che si traduce in un album incantato, romantico e allo stesso tempo, duro, complesso, frenetico, disturbante, dolente. Un disco d’esordio con un attacco così feroce e delirante, non si era mai sentito, una prova di coraggio e sfrontatezza, uno sguardo verso un futuro distopico che ha lasciato un impronta indelebile e di fatto, pur non essendo l’album che fa nascere il Prog, è l’album che ha fatto fare quel salto di qualità al genere, consegnandolo alla storia.
    Seleziona opzioni Questo prodotto ha più varianti. Le opzioni possono essere scelte nella pagina del prodotto CD | LPNon Disponibile
  • Soft Machine - Third

    Soft Machine – Third

    14,9033,00
    Third è il terzo album dei Soft Machine, pubblicato nel 1970. L'album è opera importante, affascinante e fondamentale del Rock, del Prog e di quel sottogenere che prenderà il nome di Scena di Canterbury. La psichedelia si coniuga con la forma libera del jazz, con il minimlalismo alla Terry Riley, con lo sperimentalismo e le avanguardie Dada. L’impostazione free dei tre brani strumentali definisce in qualche modo lo sviluppo del Jazz Rock, i brani sostenuti dal drumming di Wyatt e dai fiati di Elton dean e Nick Evans creano dei mandala ipnotici, costruiti come sviluppi numerici destrutturanti in una terra per lo più sconosciuta e per questo terribilmente affascinante. ‘Moon In June’ l’unico brano cantato anticipa il futuro artistico del Wyatt solista e il suo capolavoro ‘Rock Bottom’. L’esile, magica e a tratti primigenia voce, ci conduce per mano in una sorta di territorio astrale dove convivono una accanto all’altro la quiete e la tempesta, la forma e l’informe, la follia e la poesia. La voce di Wyatt è una voce che proviene da mondi siderali lontani e allo stesso tempo, dal profondo di un deposito ancestrale, di un inconscio collettivo, come se fosse la voce sepolta di ognuno. E’ magia, incantamento, arte pura.
    Seleziona opzioni Questo prodotto ha più varianti. Le opzioni possono essere scelte nella pagina del prodotto CD | LP